È Grafite con a bordo Stefano Ferro e Lorenza De Roberto del Diporto Velico Veneziano l’imbarcazione vincitrice dell’edizione 2022 della “Io & Te, un uomo e una donna in vela”, l’evento che si è svolto nel weekend a Venezia, organizzato dallo Yacht Club Venezia sotto la direzione di Mirko Sguario, in collaborazione con Il Portodimare.

Una trentina in totale gli equipaggi che hanno preso parte alla manifestazione, iniziata già nella serata di sabato con un momento conviviale tra i partecipanti ospitato dalla Marina Militare nei locali della Scuola Navale Militare “Francesco Morosini”.

A dare il via alla partenza della regata, puntuale alle ore 13:00, il comitato di regata anch’esso composta da un lui ed una lei: gli ufficiali Gianfranco Frizzarin ed Emilia Barbieri. Il percorso, così come previsto da bando, si è sviluppato in un quadrilatero posizionato nel tratto di mare antistante il Lido di Venezia, con un vento compreso tra i cinque ed i sei nodi. A tagliare per prima la linea d’arrivo, dopo 1 ora e 52 minuti di regata è stata come detto Grafite, che ha preceduto di un minuto Hector X di Massimo Filippi e Pollo Marina. Terza posizione per Laguna Trasporti 1 di Simonato Giorgio e Ghezzo Mariangela, vincitore in classe ‘Alfa’.

In classe ‘Bravo’ la vittoria è andata a Idril di Lovato Riccardo e Zennaro Sofia. Grafite è la vincitrice anche della classe ‘Charlie 1’, mentre la vittoria della classe ‘Charlie 2’ se la è aggiudicata Aribada di Tiozzo Roberto e Pagan Alberta. Infine, in classe ‘Delta’ la vittoria è andata a Blu note di Maggio Mauro e Munarini Alessandra.

Ad aggiudicarsi lo speciale premio messo in palio da Yachting Star e riservato alla prima imbarcazione del cantiere Beneteau è stato Grafite, che bissa così il successo ottenuto anche lo scorso anno.

Nel corso della premiazione riconoscimenti speciali sono stati assegnati anche all’equipaggio più giovane, quello degli allievi della Scuola Navale Militare “F.Morosini” formato da Palmieri Marco e Martina Mari. Menzione speciale anche per l’equipaggio meno giovane, composto da Giulio Cabianca e Marzia Vinco da Sesso a bordo di Noi tre.
“Si chiude un’edizione meravigliosa di questa regata, che a livello personale trent’anni fa mi ha cambiato la vita” ha affermato un commosso Mirko Sguario, ricordando quando nel 1993 all’esordio della sua lunga carriera da dirigente sportivo inventò questo format. “Ieri sera è stata una serata favolosa, oggi una giornata straordinaria e spero davvero che tutti gli equipaggi possano tornare a casa con un ricordo indelebile”. La stagione dello Yacht Club Venezia, prima del gran finale con la Venice Hospitality Challenge in programma il prossimo 15 ottobre, proseguirà nel weekend del 24 e 25 settembre con il Trofeo del Nonno, “un evento che vogliamo rendere molto sociale per dare il giusto tributo a queste figure straordinarie che sono state fondamentali in questi due ultimi anni” ha assicurato Sguario.

Ad offrire supporto logistico alla kermesse è stato il Marina Santelena, che oltre ad aver ospitato la cerimonia di premiazione sulle proprie banchine ha ospitato le imbarcazioni e gli equipaggi provenienti da tutto l’Adriatico che hanno preso parte all’evento.

In allegato il comunicato stampa ed alcune immagini utilizzabili a fini editoriali.

Restando a Vs più completa disposizione Vi ringrazio per lo spazio che saprete riservarci ed invio i miei più cordiali saluti,

Ufficio Stampa Yacht Club Venezia
Alessandro Pavanati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.