Con meno di 5000 miglia da percorrere, i leader stanno superando Itajai nel Brasile meridionale, il porto di arrivo della Transat Jacques Vabre, ripercorrendo una salita ormai familiare. Il gruppo di inseguitori ha ridotto il vantaggio di Yannick Bestaven a 226 miglia e cinque skipper sono entro 345 miglia, le successive 48 ore saranno fondamentali. Al secondo posto, a 224 miglia dietro Beataven, Charlie Dalin ha detto, “Sono felice di aver ridotto così tanto il divario. Il distacco potrebbe ridursi di nuovo, fino al fronte freddo di Cabo Frio, non sarà facile trovare la strada giusta, sarà il momento chiave, l’ultimo ostacolo prima degli alisei ”


Isabelle Joschke sta cercando di portare in salvo MACSF. Ha ancora 30 nodi di vento, oggi ha inviato un video commovente, dicendo: “Sono amaramente delusa per non essere riuscita a finire questa corsa. Ma sono orgogliosa della mia regata. Questa non è la cosa più facile al momento, sto navigando in condizioni di moto ondoso di 5m e tra forza 7-9 Beaufort. Un po ‘come le condizioni quando ho doppiato Capo Horn. Ho passato la notte cercando di salvare la barca, poiché c’era un’infiltrazione d’acqua, ora la cosa più importante è arrivare in un porto e mettermi al sicuro. Sono estremamente triste di dover terminare così. Penso che la Vendée Globe sia stata crudele con me “.

Per i primi cinque si tratta di trovare le migliori condizioni tra i diversi sistemi meteorologici ed evitare le zone calme. Yannick Bestaven ha visto stabilizzarsi il suo distacco e sarà il primo ad uscire del fronte freddo quando ogni miglio in testa varrà il doppio quando si tratterà di toccare gli alisei che si rafforzeranno gradualmente. Dietro di lui, quattro skipper (Dalin, Seguin, Ruyant e Burton) che si raggrupperanno ancora più stretti nelle prossime 24 ore lo metteranno sotto pressione. E così da qui a Les Sables d’Olonne, dove il vincitore è atteso dal 29 gennaio, il Vendée Globe sarà elettrizzante.

Arnaud Boissières, Alan Roura, Jérémie Beyou e Pip Hare, i quattro skipper stanno raggiungendo Capo Horn per porre fine a un periodo molto difficile attraverso il Pacifico meridionale. Le condizioni sono ancora difficili per l’avvicinamento al mitico promontorio con un vento gelido da sud. Il maltempo dovrebbe durare quasi fino alle Isole Falkland per questo gruppo di quattro IMOCA. Boissières, ‘Cali’, che sta superando Capo Horn per la quarta volta ha detto oggi “Sarò felice di uscire da questo Pacifico! Ma so che è ancora lontano il traguardo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *